CREATIVITà LOW COST

In tempi di crisi i budget. Si riducono e aumenta il controllo di tutte le voci di spesa per ottimizzare ogni investimento
Mil-creatività-low-cost

Per gli organizzatori di eventi la crisi non è iniziata nel secondo semestre del 2008. La richiesta di ottimizzare l’utilizzo dei budget, facendo attenzione a ogni singola voce di spesa, e di realizzare eventi, anche per clienti fidelizzati, con importi sempre più bassi è una prassi consolidata ormai da qualche anno.

Nonostante ciò la necessità di trovare soluzioni originali, capaci di attirare l’attenzione nel marasma degli stimoli quotidiani, di raggiungere il target desiderato, di trasmettere il messaggio con forza, di generare emozioni, di restare nella memoria dei partecipanti è sempre più forte. Come si può fare tutto ciò con risorse sempre più limitate? È questa la sfida che devono affrontare quotidianamente le agenzie chiamate a organizzare gli eventi aziendali. «Le risposte e le tattiche attuabili sono molte, ma fondamentalmente è importante assumere un approccio globale finalizzato a individuare con precisione gli obiettivi dell’evento per sviluppare poi una coerente idea creativa, concepita in parallelo con le risorse disponibili».

LOCATION A COSTO ZERO…O QUASI

Una delle prime variabili e voci di spesa di un evento è la location. Nell’ottica del risparmio del budget si deve quindi necessariamente intervenire all’inizio della partita.
Mil-creatività-low-cost-pdf
Mil-creatività-low-cost2
VIAGGI INCENTIVE? RISPARMIARE SI PUÒ

Chi ha detto che in tempo di ristrettezze economiche si deve tagliare sui viaggi? Basta saper scegliere oculatamente le destinazioni, tenendo d’occhio con grande attenzione i movimenti del mercato, cogliendo tutte le opportunità e scovando le chicche meno richieste. Ce lo spiega Milena Mineo, ad dell’agenzia MIL: «L’attenzione al mercato può far risparmiare notevolmente sui costi.

Negli ultimi tre mesi, per esempio, la Costa Azzurra e Montecarlo, che hanno perso i flussi degli americani in crisi, hanno abbassato notevolmente i prezzi. Senza dimenticare le tante opportunità meno note del territorio italiano: masserie pugliesi, bagli siciliani, perle come Matera, che a fronte di una grande qualità presentano prezzi ancora competitivi».

«In questo momento economico inoltre è fondamentale per le aziende far vivere esperienze di qualità ai propri ospiti. Il viaggio deve diventare un momento di condivisione di valori, che restano una volta rientrati a casa, non più solo di coesione ed emozioni. Per questo motivo si devono privilegiare mete poco conosciute e con caratteristiche ambientali e sociali adeguate». Come l’Islanda, per esempio. Un paese che ha fatto dello sviluppo eco-compatibile la sua bandiera e che vive in equilibrio con l’ambiente circostante. «Il paese ha appena vissuto un fenomeno di grande deflazione, a causa del crac delle banche, e risulta molto competitivo nei prezzi. Inoltre lì bisogna evitare tutti i fronzoli e le superficialità, e fare esperienze di qualità, che permettono di conoscere in modo diretto quel peculiare stile di vita».

COMPILA IL FORM E VERRAI CONTATTATO DAL NOSTRO STAFF

Open chat
Ciao,
Possiamo aiutarti?
Powered by